Crescita dei mercati europei in Francia, Italia e Spagna  

Anna Celmer
Content Specialist

Alcuni dei più importanti mercati automobilistici europei, Francia, Italia e Spagna, hanno avuto un inizio positivo per il 2024, con i dati di immatricolazione di febbraio che mostrano una crescita significativa. I dati mostrano che i mercati nazionali continuano a registrare buoni risultati nonostante le sfide degli anni passati e non mostrano segni di rallentamento. Mentre la Francia registra l’interesse per tutti i tipi di propulsori, sia l’Italia che la Spagna vedono le auto a benzina e le ibride trainare sempre più i loro mercati.  

Impulso per i veicoli elettrici (BEV) in Francia 

Secondo i dati della Filière Automobile & Mobilités (PFA), a febbraio il mercato automobilistico francese ha registrato un aumento del 13% delle immatricolazioni di auto nuove. Si tratta del miglior risultato del mese tra i tre principali mercati europei. La Francia ha mostrato anche una diversità nella scelta delle motorizzazioni. Le immatricolazioni di veicoli con motore a benzina sono aumentate solo del 2% rispetto all’anno precedente, dopo un calo delle consegne a gennaio. Allo stesso tempo, con un calo significativo delle immatricolazioni di veicoli diesel del 30,5% nel mese, il mercato dei motori a combustione interna (ICE) ha registrato un calo del 5,7%.  

Il calo di popolarità del diesel nella maggior parte dei mercati europei ha influito sulle immatricolazioni di veicoli con motore a combustione interna (ICE). Tuttavia, la maggior parte della quota persa è stata compensata dall’aumento delle immatricolazioni di veicoli con motore a benzina. La Francia sta vivendo un momento di svolta, in cui i modelli elettrici stanno guadagnando un vantaggio sui veicoli con motore a combustione. Questa tendenza è stata ulteriormente evidenziata dai risultati delle immatricolazioni di veicoli a propulsione elettrica (BEV). Il loro numero è aumentato del 31,9% rispetto al febbraio 2023. Sono diventati la seconda scelta più popolare nel Paese. Sebbene ci sia ancora un divario tra i veicoli completamente elettrici e quelli con motore a benzina, esso è minore rispetto a gennaio, con le immatricolazioni di BEV che superano quelle dei motori a benzina della metà. In termini di quota di mercato, la benzina ha rappresentato il 33,7% a febbraio, con un calo di 3,6 punti percentuali rispetto all’anno precedente. La quota dei veicoli elettrici puri (BEV) è salita al 18,1%, con un aumento di 2,6 punti percentuali rispetto allo stesso mese dell’anno precedente. Sembra che questa tecnologia stia guadagnando popolarità in Francia.  

Anche i modelli completamente ibridi (HEV) hanno registrato un aumento il mese scorso, con un incremento del 28,8% rispetto all’anno precedente. Tuttavia, ciò non è bastato a mantenere questo propulsore al secondo posto. Nonostante ciò, la quota di mercato degli HEV è aumentata di due punti percentuali, raggiungendo il 16,7%. I dati francesi mostrano anche un crescente interesse per i mild hybrid (MHEV), che offrono un supporto elettrico ai motori a combustione ma non hanno un’autonomia elettrica propria. Le immatricolazioni di questi veicoli sono aumentate del 63,7% nel corso del mese, con una quota di mercato del 12,2%. Il mercato degli ibridi plug-in (PHEV) ha registrato una ripresa dopo la debole performance di gennaio. Le immatricolazioni sono aumentate dell’11,9% su base annua. Ciononostante, questa tecnologia rimane il powertrain più debole nel mainstream, al di fuori della categoria “altro”. Nel corso del mese ha perso 0,1 punti percentuali di quota di mercato, attestandosi all’8,2% del totale. 

I dati francesi di inizio anno mostrano tendenze simili a quelle di febbraio: i risultati combinati per i primi due mesi del 2024 mostrano che le consegne di veicoli a benzina sono diminuite dello 0,7%, mentre i veicoli elettrici (BEV) sono passati al secondo posto con un aumento delle consegne del 33,9%. È possibile che il mercato stia assistendo a uno spostamento del dominio del singolo propulsore, con nessuna tecnologia che gioca un ruolo significativo nel totale delle immatricolazioni. 

Cresce la quota di auto a benzina in Italia  

Il mercato automobilistico italiano sta registrando una crescita nel segmento delle auto a benzina. Secondo gli ultimi dati dell’ANFIA, le immatricolazioni di nuove auto in Italia sono aumentate del 12,8% a febbraio. L’Italia punta da tempo sulle motorizzazioni ibride e l’ANFIA ha inserito in questa categoria sia gli HEV che gli MHEV. Questa tendenza è proseguita anche a febbraio, con un aumento delle consegne di ibridi del 16,1%.  

A differenza della Francia, invece, i motori a benzina hanno registrato un aumento di popolarità a febbraio. Il loro numero è aumentato del 33,4% il mese scorso, anche se le 45.901 immatricolazioni sono state meno di 10.000 unità rispetto alle ibride. Tuttavia, questa crescita si è tradotta anche in un aumento significativo della quota di mercato, che si è attestata al 31,2%, rispetto al 26,4% dello stesso periodo dello scorso anno. Nel caso dei motori diesel, le immatricolazioni sono diminuite dell’11,8% e la loro quota di mercato è scesa al 14,6%. Tuttavia, le 21.455 unità consegnate sono state comunque superiori a quelle di altri importanti mercati europei, ad eccezione della Germania. La benzina ha contribuito a migliorare la quota di mercato complessiva dei motori a combustione interna (ICE), anche se solo di 0,7 punti percentuali, raggiungendo il 45,8%. 

A differenza del mercato francese, l’Italia è in gran parte un Paese a doppia trazione, con ibridi e modelli a benzina in testa. Questo ha un impatto negativo sul mercato dei veicoli elettrici (EV), dove i modelli BEV e PHEV sono in difficoltà. A febbraio sono state immatricolate solo 5.007 autovetture completamente elettriche. Ciò rappresenta un aumento del 3,1% rispetto all’anno precedente, ma la quota di questo tipo di propulsione è stata solo del 3,4% del mercato totale, con un calo di 0,3 punti percentuali. I PHEV hanno avuto un periodo ancora più difficile. Le loro immatricolazioni sono scese del 16,6% a 4.662 consegne. La loro quota di mercato è stata del 3,2%, in calo rispetto al 4,3% dello scorso anno. Le consegne totali di veicoli elettrici a febbraio sono diminuite del 7,4%, rappresentando solo il 6,6% di tutte le immatricolazioni. 

Nei primi due mesi dell’anno, le immatricolazioni di veicoli ibridi sono aumentate del 15,2%, mentre i benzina hanno registrato un incremento del 30,1%. Nonostante il calo del 10,2% delle immatricolazioni di veicoli diesel nel 2024, le immatricolazioni di veicoli con motore a combustione interna (ICE) sono aumentate complessivamente del 13,4%. I BEV hanno avuto difficoltà finora, con consegne in calo del 2,7%, mentre i PHEV hanno registrato un calo del 25,2%. Complessivamente, le immatricolazioni di veicoli elettrici sono aumentate del 43% nei mesi di gennaio e febbraio. ANFIA spera che la situazione dei veicoli elettrici possa migliorare dopo la pubblicazione del nuovo decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri italiano, che prevede incentivi per rinnovare il parco auto del Paese e piani per contribuire alla riduzione delle emissioni di CO2. In attesa dell’entrata in vigore della nuova legge, il mercato rimane in una situazione di limbo, in quanto coloro che stanno valutando l’acquisto di un veicolo elettrico attendono migliori incentivi all’acquisto.  

La Spagna affronta la stagnazione delle immatricolazioni  

C’è un cauto ottimismo nel mercato automobilistico spagnolo, dopo che un aumento del 9,9% delle immatricolazioni, riportato dall’ANFAC, ha esteso al 14° mese una serie di dati positivi nel Paese. Tuttavia, il mercato dei veicoli elettrici in Spagna rimane a un livello basso. Le autorità hanno sottolineato la necessità di aumentare le immatricolazioni per superare la barriera del milione di auto nuove nel 2024.  

La maggior parte delle autovetture immatricolate è costituita da veicoli a benzina (40,1%). Tuttavia, come in Francia, il mercato di questo tipo di carburante sembra rallentare. La percentuale di unità consegnate è aumentata solo del 3,7% rispetto allo scorso anno. Nonostante questo miglioramento, la quota di mercato dei veicoli a benzina è scesa dal 42,6% del febbraio 2023, suggerendo un potenziale raffreddamento dell’interesse. 

La crescita maggiore si è registrata nel mercato ibrido, che comprende HEV e MHEV, con un aumento del 26,6% rispetto all’anno precedente. Ciò significa che le unità ibride rappresentano il 35,2% del mercato, rispetto al 30,6% dell’anno precedente. Così, un altro Paese si rivolge a un settore meno diversificato, affidandosi a due propulsori principali. La Spagna sta cercando di incoraggiare gli acquirenti ad acquistare veicoli elettrici. Sia i BEV che i PHEV hanno registrato un miglioramento nel corso del mese, con un aumento del 15,4% dei propulsori completamente elettrici. Tuttavia, questo miglioramento equivale solo a una quota di mercato del 4,7%. I PHEV hanno registrato un aumento del 15,6% a febbraio e rappresentano il 6,8% della quota di mercato. 

Per questo motivo, le PHEV rimangono il gruppo propulsore plug-in più diffuso in Spagna, il che rappresenta un problema per il Paese in termini di riduzione delle emissioni di CO2 dei veicoli. Sono i PHEV e gli HEV, che continuano a emettere gas serra, che dovrebbero ridurre gradualmente le emissioni medie di CO2 del Paese, in attesa della maturità del mercato dei BEV. 

Anna Celmer
Content Specialist
Più voci
Blog #Industry Insights 4 Momento della lettura
Direttiva europea GSR2: un nuovo capitolo della sicurezza stradale 

Il GSR2, o Regolamento Generale sulla Sicurezza, introduce numerosi nuovi requisiti di sicurezza dei veicoli che i produttori devono rispettare. Le nuove norme impongono ai produttori di automobili di dotare ogni nuovo veicolo di almeno 20 sistemi e caratteristiche di sicurezza innovativi. Queste modifiche si applicano a tutti i nuovi veicoli offerti nei mercati dell’UE […]

Anna Celmer
Content Specialist
Per saperne di più
Blog #Industry Insight 3 Momento della lettura
Approvati dal Parlamento europeo i nuovi standard di emissione dei veicoli 

Il 13 marzo 2024, i deputati al Parlamento europeo hanno approvato una nuova legislazione dell’Unione europea (UE) per ridurre le emissioni di automobili, furgoni, autobus, camion e rimorchi. Per comprendere meglio il contenuto dell’articolo, iniziamo con un’introduzione all’argomento: il contesto.   Il contesto  10 novembre 2022. La Commissione europea ha proposto standard di emissione più severi per […]

Anna Celmer
Content Specialist
Per saperne di più
Blog #Industry Insights 5 Momento della lettura
La fedeltà degli europei ai marchi automobilistici 

Gli europei rimangono fedeli ai loro marchi preferiti, secondo l’ultimo rapporto di Bloomberg Intelligence (BI) sui piani di acquisto delle automobili. Si tratta di un dato importante per i produttori tradizionali, che cercano di mantenere la loro posizione sul mercato di fronte alla crescente concorrenza di nuovi operatori come Tesla e i veicoli elettrici cinesi […]

Anna Celmer
Content Specialist
Per saperne di più

Il modo intelligente di vendere e acquistare auto in Europa

Dall’analisi di mercato alla massimizzazione del margine – scopri come il nostro marketplace può far crescere il tuo business
Contattaci e cresciamo insieme!
Vai alla piattaforma